lunedì 15 marzo 2021

Svapare in Controllo della Temperatura. Differenza tra TCR e TFR

La sigaretta elettronica nasce come mezzo per la riduzione dei rischi correlati al fumo. Il controllo della temperatura in generale ha lo scopo di garantire maggiore stabilità in termini di qualità dei vapori del liquido e quindi maggiore sicurezza.
La stabilità dei liquidi da svapo è già stata affrontata come argomento nel blog. Oggi lo scopo non è quello di riprenderlo ne di evidenziare, come già fatto in alcuni video del mio canale Youtube, i vantaggi del controllo della temperatura. Andremo invece a parlare, e ringrazio per l'idea un utente con il quale ho scambiato qualche messaggio, della differenza tra protezione dalla temperatura e controllo della temperatura.

Una breve premessa ...

Il TCR o Temperature Coefficient of Resistance è una proprietà del materiale del filo resistivo. Caratterizza la resistività del materiale e più questo è alto più il valore di resistività varierà al variare della temperatura causando un conseguente aumento degli Ohm della resistenza.
Materiali quali il kanthal od il Ni80 hanno resistività circa costante, pertanto non sono assolutamente adatti allo scopo. Il loro campo di applicazione lo si può ricondurre al VariWatt, però questa è un'altra storia ...
Un discorso a parte va fatto invece per l'acciaio 316 (SS316 / SS316L) che può essere applicato sia al VariWatt che per il nostro scopo. Unico difetto, non da poco, è che avendo TCR piuttosto basso gode di poca precisione per la stima della temperatura. Ad ogni modo questo fattore non ci impedisce ugualmente di utilizzarlo.

Protezione dalla Temperatura. Svapare con il TCR (Temperature Coefficient of Resistance)

Le box dotate di circuito di ultima generazione prevedono ormai la Protezione dalla Temperatura per uniformità chiamata Temperature Control o TC. Questo è spesso causa di confusione in quanto induce l'utente novizio a credere di riuscire ad avere una sessione di svapo a temperatura costante, ma così non è. Impostare il TCR significa imporre un tetto massimo di temperatura da non superare. Tutti i valori di temperatura al di sotto di questo valore sono idonei. Il circuito della box ridurrà semplicemente la corrente erogata verso la resistenza più la temperatura stimata si avvicinerà al tetto impostato, con una conseguente diminuzione dei Watt. Quali vantaggi e quali svantaggi?

TCR i Vantaggi

Il principale vantaggio di svapare in Protezione dalla Temperatura è che, rispetto al VariWatt, avremo maggiore garanzia di non eccedere oltre le temperature critiche che potrebbero determinare o un principio di degrado dei componenti del liquido o il bruciarsi del cotone. Situazioni da evitare.

TCR. Svantaggi

Lo svantaggio del TCR è che trattandosi di una costante da impostare tra i parametri del circuito della box, avrà validità fintanto che il range di temperatura da noi previsto sarà idoneo per quel valore. Infatti il numero che impostiamo, tramite una relazione lineare, moltiplicherà la variazione degli Ohm della resistenza per stimare la temperatura. Il problema emerge quando i gradi non godranno di un rapporto lineare con gli Ohm o quando il valore di TCR del materiale non sarà circa costante per il range di temperatura variabile tra 100°C e 300°C. In questi casi possono esserci d'aiuto tools di calcolo quali il modulo integrato nel mio calcolatore per eliquid. La complicazione nasce comunque dal fatto che, trattandosi di leghe, i valori del TCR potrebbero non essere speculari tra fili di case differenti. Normalmente il produttore indica il valore del TCR associato al materiale del proprio filo ad una data temperatura.
Quando allora utilizzare questa modalità di svapo? Quando non necessitiamo di una temperatura costante ed il materiale prevede un valore di TCR circa costante per il range di temperatura 100°C - 300°C. Di seguito alcuni materiali idonei :
  • NiFe48 (NiFe52)
  • Titanio
  • Acciaio 304 (SS304)
  • Acciaio 317L (SS317L)
  • Acciaio 430 (SS430)
  • Zirconio
Di seguito un esempio di materiale assolutamente non adatto allo svapo in Protezione dalla Temperatura. Il Ni200.
TCR Ni220

Controllo della Temperatura. Svapare con le curve TFR

Le curve TFR consentono in quanti si aspettano maggiormente dal Temperature Control (TC). Le tanto ricercate sessioni di svapo a temperatura constante. Siamo nell'ambito del vero Controllo della Temperatura.
Le curve TFR sono disegnate tra punti determinati come il rapporto tra il valore della resistenza ad una data temperatura ed il valore della resistenza a freddo. Pertanto presentano il primo vantaggio che consta nel poter utilizzare fili costituiti da leghe a TCR variabile ed il secondo, non meno importante, che è quello di poter eseguire sessioni di svapo a temperatura costante. Non dovremo essere noi a dare una corrispondenza accettabile tra temperatura e Watt impostati ma anche questo diverrà compito del circuito. Se esagereremo con i Watt, il circuito semplicemente ne ridurrà il valore per far si che la temperatura stimata si avvicini il più possibile a quella impostata. Avremo anche il vantaggio della protezione dalla temperatura in quanto il circuito tenderà a ridurre la corrente erogata fino a portarla prossima allo zero, più il liquido sul cotone scarseggerà.
Tra i circuiti più conosciuti che prevedono questa tipologia di svapo ricordiamo gli Evolv (DNA) e circuiti di fascia low cost ove è possibile installare Arctic Fox quali ad esempio quelli della Eleaf (non tutti purtroppo ...).
VIDEO SUGGERITI

giovedì 11 marzo 2021

La sigaretta elettronica si rivela fino a 5 volte più efficace per smettere di fumare

sigaretta elettronica smettere di fumare
Un nuovo studio pubblicato lunedì 9 Marzo dal King's College di Londra sulla rivista ADDICTION, evidenzia il chiaro vantaggio dell'uso quotidiano delle sigarette elettroniche per smettere di fumare e la loro efficacia rispetto ad altri metodi, inclusa la terapia sostitutiva della nicotina o farmaci.
Pochi giorni fa avevo parlato della efficacia della sigaretta elettronica per la cessazione del fumo di tabacco riferendomi ad uno studio pubblicato su harmreductionjournal.biomedcentral.com in data 4 Marzo.
Sono lieto oggi di potere riprendere l'argomento e continuare a divulgare, per quel poco che riesco, l'efficacia ed importanza di questo strumento per la riduzione dei rischi correlati al fumo e per la cessazione.

Smettere di fumare con la sigaretta elettronica. Lo studio

Lo studio (versione originale reperibile al link .../doi/10.1111/add.15474) condotto in Inghilterra, mirava a stimare l'efficacia della sigaretta elettronica e dei farmaci per smettere di fumare rispetto a nessun aiuto, tenendo presente la frequenza di utilizzo della ecig.
Un totale di 1155 partecipanti dai quali è stata rilevata la durata dell'astinenza dal fumo di tabacco tra chi utilizzava regolarmente sigarette elettroniche monouso, sigarette elettroniche ricaricabili, solo farmaci, una combinazione delle due soluzioni e nessun ausilio.

Smettere di fumare con la sigaretta elettronica. I risultati

I risultati hanno rivelato che chi utilizzava sigarette elettroniche ricaricabili mostrava una capacità di astinenza dal fumo di tabacco oltre le 5 volte superiore rispetto a chi non si serviva di alcun aiuto. La capacità si riduceva a 3 volte per chi utilizzava sigarette elettroniche a cartucce usa e getta. Anche chi faceva uso di farmaci aveva comunque una probabilità di successo maggiore.

Smettere di fumare con la sigaretta elettronica. Le conclusioni

Il team conclude lo studio affermando che :
Se usate quotidianamente, le sigarette elettroniche sembrano facilitare l'astinenza dal fumo rispetto alla sola volontà.

Le mie personali considerazioni

Bizzarro vedere come enti quali l' OMS non tengano conto di questo genere di studi ma basino le proprie raccomandazioni e scelte su dati ed informazioni da tempo smentite o che non trovano reale riscontro. Non ultima la proposta di divieto dei sistemi ricaricabili in quanto ritenuti potenzialmente pericolosi per la possibilità di immettere nei tank di ricarica sostanze nocive (vedi caso EVALI). Continuo ad essere dell'opinione che si rigiri la frittata intorno agli stessi temi per cercare di giustificare (male) scelte prive di reali fondamenti scientifici.
VIDEO SUGGERITI

Il tabù della sigaretta elettronica. Parliamone ...

sigaretta elettronica
Nonostante siano trascorsi ormai oltre 10 anni dal debutto della sigaretta elettronica come alternativa a rischio ridotto rispetto al fumo di tabacco, ostracismo e falsi miti aleggiano tutt'oggi intorno a questo valido strumento.
Lo scopo del post di oggi non è quello di sfatare fake news o ricerche farlocche. Ho già dedicato post e video riguardo questo tema.

lunedì 8 marzo 2021

Smettere di fumare con la sigaretta elettronica è possibile!

smettere di fumare sigaretta elettronica
I consumatori di sigarette elettroniche mostrano possibilità di cessazione del fumo di tabacco simili, se non superiori, a coloro che utilizzano prodotti comunemente prescritti allo scopo.
E' quanto emerge da uno studio pubblicato il 4 Marzo 2021 su harmreductionjournal.biomedcentral.com, condotto da Karolien Adriaens, Eline Belmans, Dinska Van Gucht e Frank Baeyens consulenti del tabacco nelle Fiandre (Belgio).

domenica 7 marzo 2021

Sigaretta elettronica. Poco impatto sui biomarcatori di tossicità

sigaretta elettronica
Sempre più studi e ricerche che confermano la sigaretta elettronica strumento efficace per la riduzione dei rischi correlabili al fumo tradizionale e per la cessazione del vizio legato a quest'ultimo.
Persone come Stanton Glantz hanno divulgato la convinzione che i così definiti utilizzatori duali, fumatori che fanno uso della sigaretta elettronica come diversivo per ridurre il consumo di sigarette, sono esposti a rischi maggiori od analoghi ai semplici fumatori.

venerdì 5 marzo 2021

Polmoni. Sigaretta elettronica vs sigaretta

sigaretta elettronica vs sigaretta
Studio rivoluzionario condotto da Anisha Banerjee e colleghi del British American Tobacco R&D Centre, pubblicato su libertpub.com in data 1 Marzo 2017.
Non stiamo parlando di uno studio recente, vero. Tuttavia ritengo doveroso parlarne per tranquillizzare i più scettici o chi ancora oggi sostiene non vi siano differenze tra sigaretta elettronica e sigaretta tradizionale.

Sigaretta elettronica vs sigaretta. Lo studio.

Le analisi di biologia molecolare sono state eseguite dai ricercatori inglesi tramite la tecnica rivoluzionaria chiamata RNA-seq Profiling, capace di valutare sia l’espressione dei geni come di misurare le concentrazioni dei biomarcatori dell’infiammazione.
Il confronto è stato fatto servendosi della sigaretta 3R4F Kentucky, campione di riferimento sviluppato dalla University of Kentucky e della sigaretta elettronica Vype ePen (vedi figura) a voltaggio variabile impostato a 4 Volt con liquido a concentrazione di nicotina pari a 18 mg/ml.
Vype e-cig vype pen
Si tratta di uno studio rivoluzionario per il metodo utilizzato, modello di polmone in 3D, che ha portato ad evidenziare quasi in presa diretta le alterazioni prodotte dal fumo di sigaretta sull’epitelio bronchiale.
ll tessuto polmonare esposto al fumo di sigaretta ha mostrato alterazioni nel livello di espressione di 123 geni ed un aumento delle concentrazioni di diverse citochine, indice di una reazione infiammatoria. L’esposizione del polmone al vapore delle sigarette elettroniche per contro ha alterato l’espressione di due soli geni.

Sigaretta elettronica vs sigaretta. In conclusione.

Un peccato constatare come gli sforzi fatti fino ad oggi dalla scienza per portare alla luce certe evidenze, non siano di aiuto per la lotta ad una "pandemia voluta" che dura ormai da ben oltre mezzo secolo. Non sto chiaramente parlando della COVID-19 ma del fumo, che porta quasi 8.000.000 di morti all'anno nel mondo.
Quando enti od istituzioni pongono nella lista delle priorità un freno nella divulgazione di certi mezzi per la riduzione del danno non preoccupandosi altrettanto del continuo dilagare del fumo tra le popolazioni e soprattutto tra i giovani, perché certi numeri dovrebbero stupirci o scandalizzarci?

lunedì 1 marzo 2021

Sigaretta elettronica, fumo ed alcol. Tre dipendenze a confronto

sigaretta elettronica fumo alcol
Come è percepita la sigaretta elettronica negli USA in rapporto al fumo ed all'alcol. Un discorso che apparentemente non ci tocca ma che in realtà rispecchia i risultati dell'operato di enti, governi, istituzioni e media, portato avanti fino ad oggi ...
E' bene ogni tanto fare il punto della situazione. Un post su Twitter mi ha fatto riflettere e portato a scrivere queste poche righe in quanto mi duole vedere la totale indifferenza dell'opinione pubblica difronte alle condizioni che tra poco vedremo. L'esempio che descriverò riguarda gli USA ma ritengo possa essere specchio di una realtà che, ad ogni modo, riguarda tutti.