martedì 18 maggio 2021

Fumo e sigaretta elettronica. Facciamo il punto con Google Trends!

iqos fumo
Nata come sistema per smettere di fumare, dove si colloca la sigaretta elettronica sul mercato oggi? Dalle ultime indagini fatte con Google Trends, pare la situazione invariata rispetto allo scorso 2020. Vediamo insieme i dettagli ...
"Stessa spiaggia stesso mare" citava il testo della canzone dell'omonimo album di Mina, pubblicato sul LP dall'etichetta Italdisc nel 1963.
E' proprio il caso di dirlo, parlando di sigaretta elettronica. Ancora oggi oggetto di discussione al quale, gli esperti e non, cercano di dare una collocazione sul mercato. A conti fatti però la scelta definitiva pare spetti a noi, agli utilizzatori. La conferma viene da tutte quelle realtà, siano queste a favore o contro, che orbitano intorno al vaping ed alla riduzione del danno. Tutte cercano di muovere l'opinione pubblica. Quale sarà la miglior risposta? E' corretto la sigaretta elettronica divenga ufficialmente un prodotto di consumo o meglio pensarla come presidio medico? Una banale analisi con Google Trends potrebbe aiutarci ancora una volta a fare luce sulla faccenda ...

Cos'è Google Trends? A che cosa è servito?

google trends
" Google Trends è uno strumento, basato su Google, che permette di conoscere la frequenza di ricerca sui motori di ricerca del web di una determinata parola o frase: la ricerca e visualizzazione sono impostabili per nazione e per lingua e i risultati (cioè i trends, ovvero le "tendenze" correnti) sono mostrati accompagnando l'occorrenza con un grafico che sintetizza, nel tempo, l'andamento della sua popolarità (ricerca o visualizzazione) ". Fonte wikipedia.org.
E' quindi possibile, inserendo keywords quali sigaretta elettronica o fumo, analizzare la tendenza di ognuna di queste come un eventuale legame. Ciò permette di avere un'idea di massima di come uno specifico prodotto stia evolvendo sul mercato ed in quali termini. Nel caso di oggi ho preso in esame i seguenti termini di ricerca :
  • Fumo.
  • Smettere di fumare.
  • Sigaretta elettronica.
  • IQOS
  • GLO
Le aree geografiche di interesse sono state l'Italia e gli Stati Uniti. Lo scopo è stato verificare la popolarità di ognuno dei 3 dispositivi (e-cig ed i due riscaldatori di tabacco), in base al grado di tendenza confrontandola; come anche comprendere se questi fossero legati maggiormente al concetto di totale cessazione oppure visti più come un sostituto del fumo tradizionale. Un'analisi simile a quanto eseguito lo scorso anno con risultati analoghi ma migliorati per quanto riguarda il posizionamento della sigaretta elettronica, almeno qui in Italia.

La sigaretta elettronica in Italia

iqos fumo italia
iqos italia ecig
Le tendenze sono tutte rapportate rispetto al valore massimo, fino al limite di 100.
Si nota che in Italia, l'interesse verso la cessazione del fumo sia piuttosto basso (6) se confrontato con gli altri. Continua invece a comparire analogia, almeno in termini di ricerca, tra il fumo, la sigaretta elettronica ed IQOS. Glo mostra al contrario poca popolarità sotto ogni aspetto.
Il picco massimo, il riferimento, resta IQOS nonostante la netta inferiorità in termini di riduzione dei rischi correlati al fumo, rispetto alla sigaretta elettronica. Vuoi probabilmente per gli investimenti che Philip Morris ha fatto in questi anni, vuoi anche per le recenti azioni di governo e le continue campagne di negativismo che studi di dubbia credibilità continuano imperterriti a portare ...

La sigaretta elettronica negli USA

iqos fumo USA
iqos USA ecig
Le tendenze sono tutte rapportate rispetto al valore massimo, fino al limite di 100.
Negli Stati Uniti emerge uno scenario, dall'analisi delle tendenze, piuttosto catastrofico. La keyword smoke prevale su tutto. Non bisogna stupirsi troppo. E' la lampante dimostrazione che il proibizionismo può soltanto distruggere. Al contrario di quanto affermano le campagne anti-vaping, ovvero "proibire per curare", è possibile azzardare una previsione ottimista di stallo riguardo il numero di decessi ogni anno per patologie legate al fumo. Si tratta di circa 2,000,000 di morti nel continente su un totale mondiale di circa 8,000,000. Il 25%!

Traiamo le conclusioni dopo un anno ...

L'analisi delle tendenze dimostra uno scarso interesse verso l'argomento "smettere di fumare". La sigaretta elettronica risulta considerata ancora un prodotto di consumo. Come tale dovrebbe riuscire a contrastare il mercato del tabacco combusto, essendo adattabile, ad oggi, ad ogni tipo di esigenza e soggetto. Ciò non sembra minimamente accadere negli Stati Unti probabilmente grazie alle azioni di soffocamento che enti, governo, azionisti e multinazionali stanno compiendo nei confronti della riduzione del danno. In Italia compaiono i primi segnali di quanto ci si augura non degeneri in pari misura a quanto visto negli USA, anche se le premesse che l'Unione Europea ha da portare sul tavolo delle trattative, non lasciano auspicare a nulla di buono.
La domanda da porsi resta : "Chi dice di tutelarci lo sta davvero facendo?" A voi la risposta ...
VIDEO SUGGERITI
CONDIVIDI IL POST

LEGGI ANCHE ...


0 commenti:

Posta un commento

Fammi sapere cosa ne pensi !