sabato 17 aprile 2021

Sigaretta elettronica. Più di un semplice giocattolo ...

sigaretta elettronica
" L'unione fa la forza è un proverbio italiano utilizzato per sottolineare che allorquando un insieme di elementi o un gruppo di persone concorrono uniti per raggiungere un determinato scopo, sarà più semplice ottenerlo. " (fonte albanesi.it)
Talvolta guardare oltre il proprio otricello aiuta a comprendere quanto alcuni tipi di "lotte" siano inutili e, nel contempo, capaci di evidenziare la pochezza di chi se ne fa carico ed artefice.

Quando il vaping è veramente uno stile di vita

svapo vaping filippine
" Il conflitto di interessi nasce dal fatto che il destinatario del fondo è un'agenzia di regolamentazione che è stata specificamente incaricata di redigere le linee guida per la regolamentazione di questi nuovi prodotti "
" La sintesi di queste implicazioni profondamente preoccupanti solleva la questione di come il movimento per il controllo del tabacco, che dovrebbe essere progettato per sostenere la vita umana, sia diventato così pervertito che uno dei suoi maggiori finanziatori è disposto a finanziare le forze dell'ordine per un regime omicida in nome di divieto di nicotina "
Ciò che avete appena letto sono parti tratte da un articolo di Filter media indipendente avviato nel 2108, con base nella città di New York, proprietà della The Influence Foundation, una organizzazione nonprofit.
L'articolo descrive l'agghiacciante situazione attualmente presente nelle Filippine. Da voce ad uno scenario caratterizzato da terrore e persecuzioni. Uno scenario dove emerge un valore della vita umana nullo se paragonato agli interessi economici del paese, nei quali il vaping chiaramente non ricade.
La cosa interessante è vedere chi vi sia tra i supporters di questo scempio. Ci si renderà presto conto, a meno che fare "1+1" non risulti troppo complicato, di come queste situazioni, seppur in linea generale e fortunatamente meno drastica, rispecchino le diatribe legate al vaping attualmente in corso in Europa.
Non mi dilungo oltre. Questa volta lascio a voi la scelta. Continuare a viaggiare con il paraocchi od aprire i propri orizzonti mettendo per una volta da parte l'assurda presunzione che ci caratterizza. L'articolo è chiaramente in lingua inglese, ma con un qualsiasi servizio web gratuito, la traduzione diverrà semplice come anche la comprensione.

E quindi?

Quindi sorrido ... Sorrido se penso a quanto sia percepita in modo differente la riduzione del danno qui in Italia, dove il reale interesse non pare ricadere sulla divulgazione di una sana e libera informazione, di una giusta tutela di chi sceglie di "continuare a fumare" facendosi meno male. Questa volta non mi sto riferendo ai media, ai nostri "amministratori" ultra stipendiati ne tanto meno alle lobbies. Sto invece parlando di chi il vaping lo vive e soprattutto di chi espone la propria figura apparentemente al servizio del consumatore. Sui social emerge chi ha la combo più in voga, si chiudono e riaprono diatribe quali prodotti cloni vs originali e chi dovrebbe dar spazio ad una informazione libera come alternativa a quella palesemente pilotata, pensa invece a restare a galla servendosi di bassi espedienti con l'intento di soffocarla; ragioni probabili, una netta mancanza di capacità e pochezza. Quando lo scoop, gli interessi, il mettersi in mostraDi cosa parlo? Se cerchi un esempio parti dalle sezioni Video suggeriti e Commenti ... diventano le ragioni principali di chi dovrebbe tutelare e/o orbita intorno al settore, le lobbies, gli enti ed i governi paiono quasi un problema marginale.
VIDEO SUGGERITI
CONDIVIDI IL POST

LEGGI ANCHE ...


4 commenti:

Fammi sapere cosa ne pensi !