venerdì 23 aprile 2021

Ridurre la nicotina nelle sigarette per evitare la dipendenza

nicotina sigaretta
FDA, Food and Drug Administration, ente statunitense responsabile della protezione e della promozione della salute pubblica attraverso la regolamentazione e la supervisione della sicurezza alimentare, dei prodotti del tabacco, degli integratori alimentari, dei farmaci da prescrizione e da banco, dei vaccini, dei prodotti biofarmaceutici, delle trasfusioni di sangue, dei dispositivi medici, delle radiazioni elettromagnetiche dispositivi emettitori (ERED) e prodotti veterinari. (fonte : wikipedia.it.)
Seppure meno di un anno fa la FDA ha dimostrato un'apertura chiara nei confronti della nicotina e dei prodotti alternativi (come la sigaretta elettronica) al tabacco combusto come soluzione per rallentare la crescita di patologie e morti all'anno negli USA a causa di quest'ultimo, oggi pare fare marcia indietro ritornando su un precedente punto proposto, ovvero diminuire la concentrazione di nicotina nelle tradizionali sigarette come soluzione alla dipendenza che creano.
Non servono studi per comprendere questa non sia la soluzione ma, anzi, l'aggravarsi di un problema. Comunque a conferma di ciò le ricerche del National Cancer Institute e del National Institutes for Health dove si dimostra che se la concentrazione di nicotina viene ridotta, i fumatori inalano più profondamente e/o fumano più sigarette per ricevere lo stesso quantitativo ottenuto fumando le attuali sigarette.
L'assurdo è il "passo falso" che l'ente pare stia valutando di commettere nei confronti della tutela della salute pubblica statunitense, pur essendo tra i garanti di quest'ultima.
Ridurre una dipendenza aumentando le probabilità di patologie fumo correlate quali il cancro e le malattie cardiovascolari, portando il fumatore ad una inalazione ancora più consistente delle circa 6000 sostanze chimiche derivanti dalla combustione del tabacco, tra le quali la nicotina risulta essere tra le meno nocive, avendo effetti sull'organismo al pari circa della caffeina ...
Senza scavare troppo a fondo emergono le possibili ragioni di una scelta tanto irrazionale. La campagna Bloomberg che prevede il tentativo di divieto di scelta da parte dei fumatori di smettere con il metodo e sistema a loro più congegnale.
Bizzarro incappare sempre nelle stesse figure quando si parla di interessi legati alla salute pubblica ...
VIDEO SUGGERITI
CONDIVIDI IL POST

LEGGI ANCHE ...


0 commenti:

Posta un commento

Fammi sapere cosa ne pensi !