sabato 6 febbraio 2021

sigaretta elettronica e riduzione del danno. Parliamone ...

sigaretta elettronica riduzione del danno
"Ciò di cui abbiamo bisogno per eliminare l'epatite C non sono ulteriori interventi. Ciò di cui abbiamo bisogno è la volontà politica di attuare ciò che funziona."
Citazione tratta da un articolo scritto dal Prof. Jeffrey Lazarus sul blog di ISGlobal. Ne consiglio vivamente la lettura.
E' su questa riflessione che apro il post di oggi. L'obiettivo è dare la mia personale chiave di lettura all'argomento, sottolineando che non essendo un esperto in materia ma soltanto un semplice appassionato ed utilizzatore della sigaretta elettronica, è da prendere ogni singola parola scritta con il "beneficio di inventario". Andrò "a braccio" basandomi più che su dati od evidenze scientifiche, su mie esperienze, conoscenze e conseguenti ragionamenti. Esporrò come percepisco il concetto di riduzione del danno.
Si, perché sono convinto ad oggi di questo si possa parlare ampiamente. Di percezione ...
Quanto descrive il Prof. Jeffrey Lazarus nel suo articolo mi sta facendo riflettere. Riflessione che desidero condividere qui con voi.
Da dove nasce il termine riduzione del danno?. Mai provato ad eseguire una ricerca su Google? Per rendere l'idea vi riporto di seguito l'estratto di un test, eseguito poco fa, con un keywords tool gratuito.
riduzione del danno
Tralasciando discorsi riguardo la keyword difficulty ed il volume (volume di ricerca), ciò che voglio portare alla vostra attenzione è a cosa sia strettamente legato il termine. Alla tossico dipendenza ed alle droghe.
In questo particolare frangente, come potete vedere dall'immagine che qui riporto o leggere dall'articolo, l'Unione Europea si è schierata per arginare un problema. L'epatite C. Badate bene che ho detto schierata ...
riduzione del danno
Molto nobile ... Ma il tabagismo come lo vogliamo definire. Anzi no ... Quale definizione è oggi attribuita al tabagismo? Interroghiamo Wikipedia :
Il tabagismo è l'abitudine o dipendenza dal fumo di tabacco, ossia l'atto di bruciare le foglie secche della pianta del tabacco e inalare il fumo derivato per piacere, a cui consegue un'intossicazione di tipo cronico e una dipendenza; per estensione comprende dipendenze connesse ad altre assunzioni, percentualmente meno rilevanti, come l'inalazione della polvere (tabagismo da fiuto).
Intossicazione cronica? Dipendenza? E qui aggiungo ... 8.000.000 di morti / anno?
Ciò che vi chiedo ora è perché non dovrei parlare di percezione? Se oggi ciò che è palese, mostruosamente evidente viene totalmente ignorato da chi dovrebbe amministrarci, come posso definire la riduzione del danno da tabacco combusto se non pura utopia, una percezione. La Commissione Europea è riuscita a riprendere ciò che OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) aveva lasciato. Presentando in parlamento la loro proposta relativa al "piano anti-cancro" non faranno altro che incentivare il consumo di tabacco quando invece lo scopo, a loro detta, dovrebbe essere l'esatto contrario.
Tutti siamo coscienti ci sia ancora lavoro da fare ma sottoporre un settore che promuove sistemi a rischio ridotto a puro proibizionismo, significa consegnare la salute pubblica nelle mani di chi su questa tutt'oggi lucra più di tutti ...
Non vedo perché la riduzione del danno possa avere efficacia col tema droghe o sostanze stupefacenti ma non possa averne altrettanta nei confronti del fumo. In fin dei conti parliamo di dipendenza ed assuefazione ...
Non voglio comprendere il motivo per il quale vi sia un chiaro schieramento e sensibilizzazione riguardo il tema nel primo caso mentre venga bandito e rifiutato nel secondo! Stiamo parlando infondo della stessa cosa. Parliamo di 8.000.000 di morti/anno per malattie correlate al fumo.
Si prende l'unico sistema che ad oggi dimostra efficacia nell'allontanamento definitivo dal tabacco combusto e si cerca di buttarlo via? Per di più, ironia della sorte(?), con un "piano anti-cancro"?
L'unico appiglio che ancora resta sono i nostri eurodeputati. Non voglio entrare nel merito della politica, ciò che mi preme è invitarvi a dire la vostra. La World Vapers' Alliance sta promuovendo un'iniziativa in questo senso. Diamo loro del materiale per contrastare lo scempio che la Commissione Europea andrà a proporre!
CONDIVIDI IL POST

LEGGI ANCHE ...


0 commenti:

Posta un commento

Fammi sapere cosa ne pensi !