venerdì 23 ottobre 2020

Sigaretta elettronica. Lo studio CoEHAR conferma effetti benefici sui fumatori affetti da BPCO

sigaretta elettronica BPCO CoEHAR
BPCO ovvero BroncoPneumopatia Cronica Ostruttiva è una malattia cronica e invalidante molto diffusa anche in Italia, ma spesso sottovalutata, a volte anche dal Paziente, che ritiene la tosse cronica o difficoltà di respiro come "sintomi comuni" per un fumatore (cit. ilmiorespiro.it).
I ricercatori del CoEHAR hanno pubblicato il più lungo follow-up clinico sui consumatori di sigarette elettroniche con risultati parecchio rassicuranti.

Un follow-up durato 5 anni ...

I risultati sono stati estramamente positivi! Si è riscontrato che i fumatori che passano dall'ultizzo regolare di sigarette tradizionali allo svapo riducono del 50% le riacutizzazioni della BPCO e migliorano la tolleranza all'esercizio e, più in generale, la qualità della vita.
Il motivo dello studio è legato alla ormai nota e quasi totale inefficacia dei prodotti sostitutivi atti a somministrare nicotina in pazienti/fumatori con patologie. Viene infatti fatto notare come questi prodotti non determino, in buona parte dei casi, un allontanamento a lungo termine dal fumo.
Il follow-up è stato eseguito su 39 pazienti, 20 dei quali utilizzavano regolarmente ecig e 19 fumutatori tradizionali. I ricercatori del CoEHAR hanno osservato una riduzione marcata e sostenuta del consumo giornaliero di sigarette convenzionali nei pazienti con BPCO che stavano anche svapando, con una riduzione complessiva di oltre l'80% rispetto al basale (cit. CoEAR's study confirms beneficial effects off ecig on COPD smokers).
I risultati di questo studio dimostrano che in soggetti con BPCO, che non hanno intezione di dare un taglio netto al fumo, è possibile tramite strumenti per la riduzione del danno da tabacco combusto come la sigaretta elettronica, aiutarli a migliorare le loro condizioni generali.

0 commenti:

Posta un commento

Fammi sapere cosa ne pensi !